Cronaca

Spazio al Sud è anche solidarietà: il riconoscimento all’Avulss

Approfondimenti

dall’ass. Arte&Cultura a Taormina —

Coinvolgente avvio, decisamente fuori dagli schemi, quello che ha caratterizzato giovedì scorso il salotto letterario condotto da Milena Privitera all’Excelsior Palace Hotel Taormina per SPAZIO al SUD, la rassegna culturale organizzata dall’associazione Arte&Cultura a Taormina, presieduta da MariaTeresa Papale.

Alla presenza dell’assessore alla Cultura di Taormina, dott.ssa Alessandra Caruso, Paola Bottero ed Alessandro Russo, giornalisti, scrittori – e da un  tre anni anche editori con sabbiarossa Edizioni – protagonisti della serata in cui presentavano Carta vetrata e Marchiati, loro ultime “fatiche” letterarie, nel corso di una semplice e coinvolgente cerimonia hanno voluto consegnare, infatti, al presidente dell’associazione Associazione AVULSS Taormina Onlus, Cosma Belardo, le copie di tutti i loro libri, contribuendo così ad arricchire la Biblioteca Ospedaliera “Don Giacomo Luzietti” dell’Ospedale Sirina di Taormina. Un arricchimento non solo quantitativo ma, soprattutto, qualitativo visto la rilevanza dei temi trattati dalla coppia che, unita nella vita e nel lavoro, da anni si batte in prima linea armata di penna, computer e microfoni per una Calabria migliore dando conto nei propri scritti dei problemi e delle speranze di una “terra bella e maledetta” come l’ha definita la stessa Bottero che, torinese d’origine, della Calabria è profondamente innamorata.

A disposizione dei “lettori-pazienti” del reparto oncologico dell’Ospedale taorminese saranno così, tra gli altri, Bianco come la vaniglia, e La ‘ndrangheta davanti all’altare: libri tutti dove, sia pur con storie e registri diversi, vengono raccontati gli effetti devastanti della presenza della “malavita” sul suolo calabrese. Racconti dove l’analisi rigorosa delle dinamiche di una terra, peraltro magnifica, e di una società che, con fatica ed onestà, cerca di liberarsi dalla morsa della ‘ndrangheta e dalle sue collusioni con le lobby di potere si alterna alla descrizione di una mentalità, purtroppo largamente diffusa, colpevole di acquiescenza e sudditanza al potere, atteggiamento questo che la rende così facile ostaggio delle ‘ndrine. E mentre malati e loro accompagnatori potranno apprezzare il viaggio attraverso la splendida Calabria della normalità della “buonavita” grazie a Senza targa – a doppia firma Bottero & Russo – le denunzie sugli effetti devastanti dei pregiudizi nei confronti dei calabresi del mondo della comunicazione da un lato e delle manipolazioni della verità di un’informazione serva e rampante dall’altro le potranno cogliere nell’accorato Marchiati di Russo e nell’ironicamente amaro Carta vetrata di Bottero.

Un gesto di solidarietà quello da parte dei due scrittori per contribuire a far pesare di meno le lunghe ore di terapia cui tanti pazienti oncologici vengono sottoposti in ospedale che è stato molto apprezzato non solo dal presidente Damiano, ma dallo stesso assessore Caruso che ha rivolto loro parole di compiacimento e dai numerosi ospiti intervenuti: un applauso, intenso e carico di empatia, ha sottolineato il passaggio di consegna dei libri siglando al contempo, per una volta, non la fine ma l’inizio di un interessantissimo evento culturale patrocinato, come tutti quelli targati SPAZIO al SUD, dal Comune di Taormina, Taormina Arte, Associazione Imprenditori per Taormina e sponsorizzato dall’Associazione Albergatori Taormina, il Metropole Taormina Maison d’Hôtes ed Ottica Fiumara.

I commenti sono chiusi.